Lettera del Sindaco agli alunni per l'anno scolastico 2020 - 2021

Miei cari bambini e bambine,
Miei cari ragazzi e ragazze,

Data:
23 settembre 2020

Visualizzazioni:
251

Miei cari bambini e bambine,
Miei cari ragazzi e ragazze,

era la sera del 4 marzo scorso quando a causa della pandemia ancora in atto il Consiglio dei Ministri disponeva per la prima volta la chiusura di tutte le scuole ed università d’Italia: doveva essere una misura straordinaria e provvisoria, in realtà da quel momento le porte delle nostre aule rimasero sbarrate per tutto l’anno scolastico appena trascorso.
La chiusura dei nostri Istituti ha significato una drastica limitazione del vostro diritto all’educazione nella conoscenza e nella socialità, del vostro diritto alla scuola, quella in presenza. Fianco a fianco con i vostri cari compagni di classe, faccia a faccia con i vostri cari insegnanti.
Da Sindaco della Città, da genitore, da ex insegnante e da chi ha trascorso molti degli anni più belli della propria vita seduto su quegli stessi banchi sui quali voi sedete ora, faccio fatica ancora oggi a trattenere l’emozione pensando alle dure prove che da quel momento in poi avete dovuto affrontare.
Debbo confessarvi che tra le tante altre preoccupazioni del momento, amplificate dall’emergenza nella quale viviamo e operiamo tutti da marzo scorso, ve n’è una che proprio non mi dà pace: la preoccupazione che ho per voi.
Ed è per ciò che tramite queste poche righe a voi indirizzate mi rivolgo anche ai vostri genitori, ai vostri insegnanti, a tutto il personale scolastico o che attorno all’universo della scuola gravita con compiti diversi comunque egualmente importanti, perché, pur sempre esigenti e severi nei momenti opportuni, quest’anno siano con voi ancor più benevoli, comprensivi e attenti al vostro benessere psicofisico.
Ora più che mai vi è bisogno per il futuro dei nostri figli che noi adulti esprimiamo al meglio nell’unità un lucido senso di appartenenza alla Comunità, alla Comunità cittadina, alla Comunità educante.
Voi cari bambini e bambine, cari ragazzi e ragazze, dal canto vostro portate ovunque la gioia e la spensieratezza che solo voi sapete trasmettere con tanta naturalezza e dolcezza. A noi questo basterà per sentirci pienamente ripagati.
Con la promessa di essere sempre al vostro fianco, nell’assoluta consapevolezza del ruolo determinante e imprescindibile che la scuola rivestirà lungo il percorso verso un pieno ritorno alla normalità, vi auguro con tutto me stesso un buon nuovo anno scolastico e vi abbraccio con affetto. 

Fabrizio Demelas

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento:
23 settembre 2020 , 06:56

Potrebbero interessarti