Nota informativa

Si comunica che  questa versione del sito non è più aggiornata, pertanto le informazioni ivi contenute, possono aver subito variazioni, si prega l'utenza di fare riferimento al nuovo sito. Che in questa fase transitoria viene aggiornato di giorno in giorno.

iconainfoSi informano tutti i contribuenti proprietari di immobili a valere sui quali è dovuta l'imposta municipale propria (IMU) che la Giunta Comunale, con propria Deliberazione n. 105 del 12.06.2020, per sostenere famiglie e attività produttive, limitatamente ai soggetti che hanno registrato difficoltà economiche derivanti dalla pandemia in corso (da attestarsi a pena di decadenza dal beneficio entro il 31 ottobre 2020 con apposito modello predisposto dal Comune) ha disposto il differimento del termine per il versamento dell’acconto IMU dal 16 giugno al 31 ottobre 2020.
Si precisa che il versamento della rata in acconto IMU relativa agli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, deve essere comunque effettuato entro il 16 giugno 2020 (senza possibilità di differimento), così come disposto dalla risoluzione del Ministero dell'Economia e delle Finanze (risoluzione n. 5/DF - prot n. 14159 - 8/06/2020).
Si ricorda inoltra che l'acconto da versare deve essere pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU più TASI per l'anno 2019, come previsto dal comma 762 della Legge 160/2019. Il pagamento del saldo dell'imposta dovuta per l'anno 2020 dovrà essere effettuato a conguaglio il 16 dicembre 2020, sulla base delle aliquote che verranno deliberate dal Consiglio Comunale entro il 31 luglio 2020.

NOVITA’ TRIBUTI 2020 – Legge di bilancio 27/12/2019 n. 160 commi da 738 a 783 -

  • DAL 01/01/2020: ENTRATA IN VIGORE NUOVA IMU
  • DAL 01/01/2020: ABOLIZIONE TASI (PER TUTTI GLI IMMOBILI E PER TUTTI I CONTRIBUENTI)
  • PER IL 2020: PRIMA CASA (ABITAZIONE PRINCIPALE): STESSE ESENZIONI IMU ANNI PRECEDENTI
  • NOVITA’ 2020 ISCRITTI AIRE – PENSIONATI (TITOLARI DI PENSIONI ESTERE PER LE UNITA’ IMMOBILIARI DISABITATE) – DEVONO PAGARE LA NUOVA IMU

SCADENZE PAGAMENTO NUOVA IMU

ENTRO IL 16/06/2020:

ACCONTO NUOVA IMU:

PRIMA RATA: DA CORRISPONDERE PARI ALLA META’ DI QUANTO VERSATO A TITOLO DI IMU + TASI PER IL 2019

ENTRO IL 16/12/2020:

SALDO NUOVA IMU: CONGUAGLIO CON LE ALIQUOTE NUOVA IMU 2020

LE ALIQUOTE NUOVA IMU 2020 VERRANNO APPROVATE DAL COMUNE DI SORSO ENTRO IL 31/07/2020

I CODICI DA USARE NEL MODELLO F24:

- SONO SOLO QUELLI DELL’IMU (AD ESEMPIO 3918 PER ALTRI FABBRICATI OVVERO PER TUTTI GLI IMMOBILI DIVERSI DALLA PRIMA CASA PER I QUALI SORGE L’OBBLIGO DI VERSAMENTO DELL’IMPOSTA)

 - CODICE DEL COMUNE DI SORSO: I863 (ATTENZIONE A NON SBAGLIARE)

Entro pochi giorni sarà inserito il CALCOLATORE NUOVA IMU 2020, per il calcolo dell’ACCONTO IMU 2020 e la stampa del modello F24.

PagoPAIn attuazione del codice dell'amministrazione digitale, il Comune di Sorso adotterà progressivamente a partire da settembre 2019 pagoPA come strumento per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso il Comune stesso.
PagoPA permette di pagare online o in modalità tradizionale cartacea tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento verso le pubbliche amministrazioni centrali e locali, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le aziende sanitarie.

Il pagamento online può avvenire:

  • utilizzando, il sito comunale con un'esperienza molto simile ai siti di e-commerce più diffusi consentendo l’uso dei maggiori circuiti di carte di credito e PayPal. Il cittadino disporrà di un’area nella quale potrà trovare l’elenco ed i dettagli di tutti i pagamenti dovuti ed effettuati verso il Comune di Sorso.
  • Il pagamento con modalità tradizionale cartacea può invece avvenire presentando l’avviso recapitato dal Comune di Sorso presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica.

Banche, circuiti di credito e App - chiamati PSP (prestatori di servizi di pagamento) - aderiscono al sistema pagoPA su base volontaria decidendo quanti e quali modalità di pagamento rendere disponibili e fissando autonomamente le eventuali commissioni correlate.

L'Assessore al Bilancio
Dott.ssa Rita Pisano
 

Gentile fornitore

Il processo di innovazione e digitalizzazione della pubblica amministrazione rappresenta uno strumento indispensabile per la riduzione dei costi, il miglioramento dei rapporti tra imprese e PA e l’accelerazione dei tempi di pagamento dei debiti. In questo contesto il Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013 individua le regole tecniche per l’utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la pubblica amministrazione, in attuazione della legge 244/2007 (art. 1, commi da 209 a 214).

Con la legge di Bilancio 2017 non sono state introdotte novità in materia IMU-TASI.  Il Comune di Sorso con le deliberazioni del Consiglio Comunale n.10 e n.11 del 27.03.2017 ha confermato le aliquote vigenti nel 2016. Si conferma che anche per l’anno corrente sull’abitazione principale non dovrà essere pagata né l’IMU né la TASI. Per le altre categorie di immobili (seconde case, terreni, aree edificabili) dovrà essere versato l’acconto, pari al 50% del tributo dovuto, entro il 16 giugno; mentre il saldo dovrà essere versato entro il 16 dicembre.

Per agevolare i contribuenti nel calcolo del tributo è stato messo a disposizione sul sito del Comune il collegamento al “Calcolo IUC”, un programma informatico gratuito che consente ai contribuenti in modo facile ed intuitivo di fare i calcoli IMU/TASI e produrre il modello F24 per il pagamento.

pdf TASI ACCONTO 2017 (22 KB) - pdf IMU ACCONTO 2017 (67 KB)

TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) - 2016
Scadenza
versamento in acconto (16/06/2016)

Avviso

Il 16 giugno 2016 scade il termine per il versamento dell’acconto della TASI. L’acconto è pari alla metà del tributo dovuto per l’anno in corso, calcolato applicando, alla base imponibile IMU, le aliquote e detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente di seguito riportate:

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - 2016
Scadenza
versamento in acconto (16/06/2016) 

Avviso

Il 16 giugno 2016 scade il termine per il versamento dell’acconto dell’IMU. L’acconto è pari alla metà dell’imposta dovuta per l’anno in corso, calcolata applicando le aliquote e detrazioni dei dodici mesi dell’anno precedente di seguito riportate:

Tipologia

Aliquota

Abitazione principale (solo cat. A/1, A/8 e A/9) e relative pertinenze Detrazione € 200,00

0,40%

Altri immobili (compresi i terreni e le aree edificabili)

0,98%

Fabbricati classificati nella categoria D

0,80%

Resta ferma la facoltà del contribuente di provvedere, entro il 16 giugno, al versamento dell'imposta complessivamente dovuta per l’anno in corso. Chi versa dopo tale data dovrà pagare una sanzione, avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso.

UFFICIO TRIBUTI IMU-TASI 2015

Si comunica che le aliquote IMU e TASI per il 2015 non sono state deliberate. Il versamento dell’acconto, da effettuarsi entro il 16 giugno, andrà calcolato sulla base delle aliquote vigenti nel 2014.

Le aliquote vigenti nell’anno 2014 erano le seguenti:

 

IMU

DESCRIZIONE

Aliquota (per mille)

Abitazione principale (tranne quelle di lusso)

ESENTE

Abitazione principale di lusso (A/1-A/8-A/9) e pertinenze

4,0 ‰

detrazione di € 200,00

Aliquota di base (Fabbricati diversi dall’abitazione principale, aree edificabili, terreni agricoli)

9,8 ‰

Aliquota Fabbricati di categoria D

8,0 ‰

 

 

TASI

DESCRIZIONE

Aliquota

(per mille)

Abitazione principale

2,00‰

Abitazione principale appartenenti alle categorie A1, A8 e A9

2,00‰

Altri immobili (fabbricati diversi dall’abitazione principale e le aree edificabili)

0,80‰

30% paga occupante

Fabbricati categoria D

0,80‰

Fabbricati rurali ad uso strumentale

1,00‰

 

 

Di eventuali variazioni di aliquote si terrà conto nel versamento a saldo che dovrà essere fatto entro il 16 dicembre 2015.

L’ufficio tributi non esegue i calcoli IMU/TASI e non può stampare le visure catastali. Le visure catastali possono essere stampate solo per usi istituzionali. Se non ci sono state variazioni nel 2014/2015, per effettuare i calcoli potranno essere utilizzate le visure fatte negli anni precedenti.