A Biella una piccola lastra di basalto per ricordare i caduti in guerra di Sorso

Data:
20 dicembre 2021

Visualizzazioni:
196

Ci sarà anche una pietra che ricorderà i caduti in guerra di Sorso fra quelle che comporranno il lastricato commemorativo che si sta realizzando a Biella, nell’area monumentale dedicata alla Brigata Sassari alle porte della città.

La Giunta del sindaco Fabrizio Demelas ha infatti accolto con piacere l’invito giunto dall’Amministrazione comunale della città piemontese che, nell’ambito delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale, insieme con il Circolo Sardo “Su Nuraghe”, ha presentato un progetto per la realizzazione di un lastricato commemorativo composto da pietre provenienti da tutti i comuni d’Italia, riportanti il nome del comune e il numero dei suoi caduti, a testimonianza e ricordo del dolore della guerra e del sacrificio dei soldati.

Nei giorni scorsi da Sorso, destinazione Biella, è partita la pietra di riuso - una piccola lastra di basalto incisa con il nome di Sorso e il numero dei caduti - come contributo alla realizzazione del lastricato commemorativo nell’area monumentale “Nuraghe Chevru”, dedicata alla Brigata Sassari e ai caduti biellesi della Prima guerra mondiale. Un’iniziativa, accreditata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri quale progetto rientrante nel “Programma Ufficiale delle Commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale”.

“Quando abbiamo ricevuto l'invito del Sindaco di Biella, non abbiamo esitato a far nostra la proposta - afferma l’assessore alla Cultura Marcella Spanu - . Nei giorni scorsi abbiamo inviato a Biella la nostra pietra d’inciampo, con scritto il nome del nostro Comune e il numero dei nostri caduti nella Grande Guerra: 139, un numero che racchiude vite, paure, gioie e dolori. La pietra verrà deposta nel selciato del monumento biellese dedicato alla Brigata Sassari, il ‘Nuraghe Chervu’ a ricordare il sacrificio di tanti giovani e a rimarcare l'importanza della memoria, ma soprattutto a sottolineare il sentimento di riconoscenza che tutti noi dobbiamo avere nei confronti di chi si è battuto per la libertà di cui oggi possiamo godere: LIBERTÀ che non deve essere data per scontata ma onorata e difesa sempre”.

La lettera del sindaco di Sorso al sindaco di Biella

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento:
20 dicembre 2021 , 09:45

Potrebbero interessarti

stemma   Città di Sorso

   Provincia di Sassari

 

Recapiti

Pagamenti