Campagna Vaccinale Anti-Covid Avviso Dell’ATS Sardegna

Si riporta per opportuna conoscenza da parte degli interessati il comunicato pubblicato in data odierna sul sito dell’Azienda per la Tutela della Salute – ASSL Sassari rivolto ai cittadini con più di 80 anni che non avessero ancora ricevuto la prima dose e ai pazienti fragili

Data:
2 aprile 2021

Visualizzazioni:
551

Si riporta per opportuna conoscenza da parte degli interessati il comunicato pubblicato in data odierna sul sito dell’Azienda per la Tutela della Salute – ASSL Sassari rivolto ai cittadini con più di 80 anni che non avessero ancora ricevuto la prima dose e ai pazienti fragili

SASSARI, 1 APRILE 2021 - Si avvia verso la fase conclusiva l’attività di somministrazione della prima dose del vaccino anti Covid-19 verso i cittadini con più di 80 anni residenti a Sassari e nei Comuni del Distretto.
Per evitare qualsiasi ritardo, la Direzione della ASSL Sassari mette a disposizione dei cittadini con più di 80 anni residenti nel Comune di Sassari e nei Comuni del Distretto, che a oggi non avessero ancora ricevuto la prima dose del vaccino anti Covid-19, i seguenti numeri di telefono: 366/8106113; 366/8195868; 366/8196377; 366/8195578.
Gli utenti che fanno parte di questa specifica categoria, o i loro familiari, possono contattare questi numeri telefonici, dal lunedì alla domenica (escluso il giorno di Pasqua) dalle ore 10 alle ore 17, per prenotare l’appuntamento
A tutte le persone che non fanno parte di questa specifica categoria, si chiede cortesemente di non telefonare per non ostacolare le attività vaccinali.
Pazienti fragili. Secondo le indicazioni del decreto ministeriale, la ASSL Sassari ha chiesto formalmente ai Medici di Medicina Generale di indicare, con apposita e-mail, i nominativi dei loro assistiti altamente vulnerabili per i quali è fortemente consigliata la vaccinazione anti Covid-19 per la tutela del loro stato di salute.
Una volta ricevute tali indicazioni da parte dei Medici di Famiglia, sarà cura della ASSL Sassari contattare telefonicamente gli assistiti per somministrare loro la prima dose del vaccino anti Covid-19 presso i centri di vaccinazione allestiti nel territorio o, ove necessario, presso il domicilio.
Nella stessa nota è specificato che, parallelamente, anche i Medici di Medicina Generale possono convocare i propri pazienti e assistiti fragili nelle postazioni messe a loro disposizione presso i centri vaccinali territoriali.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento:
2 aprile 2021 , 07:41

Potrebbero interessarti