Servizi scolastici - Attivato servizio PagoPA

iconanewsL'Amministrazione comunale informa i cittadini che è attivo il servizio di pagamento PagoPA, che permette di ricaricare i conti correnti virtuali per il pagamento del servizio di mensa scolastica. Per accedere al servizio, è sufficiente entrare nel sito del Comune di Sorso, cliccare sul link "PagoPa" e, previa registrazione al portale, avviare la procedura. Di seguito le istruzioni dettagliate.  Scarica le istruzioni in formato PDF.

COMUNICATO ARST - MODIFICHE SORSO - SENNORI

iNFORMAZIONIIl Comune di Sorso, con Ord. n° 62 del 19/10/2019, ha disposto, per consentire l’esecuzione dei lavori di posa della rete del gas cittadino, da lunedì 28 ottobre 2019 e sino al termine dei lavori, il divieto di transito nella Via Sennori. Pertanto, a decorrere dalla stessa data, tutte le corse con transito previsto a Sorso nella Via Sennori, osserveranno i seguenti percorsi:

Leggi tutto...

Giunge finalmente al suo epilogo, e nel migliore dei modi, l’annosa questione relativa alla “ex Caserma dei Carabinieri di Sorso”.

Caserma icoL’atmosfera venerdì sera nell’aula consiliare “Massimo Greco” era quella delle grandi occasioni.

Alla presenza del Sindaco Dott. Fabrizio Demelas, dei Consiglieri comunali, dell’On. Antonello Peru, dell’On. Pietrino Fois e del Dott. Umberto Oppus, oltre che dei funzionari della Provincia di Sassari e del Comune di Sorso, la dottoressa Vittoria Loddoni, la dottoressa Debora Fonnesu e la dottoressa Nicolina Cattari, è stato sottoscritto l’accordo che consente all'Amministrazione Comunale di entrare in possesso dell’immobile e di poter investire 1.500.000 di euro per la sua riqualificazione.

Da buon padrone di casa, il primo a rivolgere un saluto ai presenti è stato il Sindaco: “Questa giornata assume un retrogusto storico-identitario: il convento seicentesco, acquisito al patrimonio comunale nella seconda metà del 1800, e divenuto poi Caserma dei Carabinieri, era stato costruito grazie alla munificenza e all’operosità dei sorsensi di allora per essere poi donato agli ordini religiosi che ne fecero la loro sede. L’operazione che andiamo a chiudere oggi non solo ci permette di disporre di un bene utile dal punto di vista dell’uso che ne faremo, ma ci permette di riappropriarci di un pezzo della nostra storia, della nostra identità”

Il Sindaco prosegue poi con dei “ringraziamenti doverosi e sentiti all’Amministrazione Provinciale e in particolare all’Amministratore unico, l’On. Pietrino Fois senza il quale l’operazione non si sarebbe potuta chiudere in così breve tempo, e ai suoi collaboratori: il dott. Pierino Arru, la dottoressa Loddoni, il dott. Pelusio; nonché all'Amministratore Provinciale uscente il Dott. Guido Sechi che ha preceduto l’On. Fois. Ringrazio inoltre il Dott. Umberto Oppus, Direttore Generale dell'Assessorato agli Enti Locali che si è speso senza soluzione di continuità per una positiva soluzione della questione assieme all’Assessore regionale l’Avv. Quirico Sanna”.

lineeprogrammaticheÈ stato un Consiglio comunale lungo e partecipato quello che si è tenuto nell’aula consiliare “Massimo Greco” lo scorso venerdì 25 ottobre, anche in virtù dell’importanza degli argomenti previsti all’ordine del giorno.

Era in programma fra gli altri punti la discussione delle linee programmatiche di mandato, documento attraverso il quale il Testo unico degli Enti Locali prescrive che le neo-insediate amministrazioni comunali indichino gli obiettivi, le iniziative più significative e le opere che ne caratterizzeranno il percorso nei cinque anni successivi.

Un’aula al gran completo ha seguito con attenzione l’articolata esposizione fatta dal Sindaco Dott. Fabrizio Demelas, che ha dettagliato con un intervento di oltre 40 minuti la prospettiva di sviluppo urbano, socioeconomico, culturale e turistico della nostra città per i prossimi 5 anni.

Lo ha fatto rivolgendosi anche a quelle che ha chiamato “minoranze e non opposizioni”, sottolineando come nei programmi elettorali, pur differenti fra loro, emergesse in modo univoco e chiaro l’interesse per il bene della città di Sorso. Questa apertura verso i gruppi di minoranza, particolarmente apprezzata dai diversi gruppi consiliari, è stata il preludio a delle linee programmatiche innovative rispetto al passato, aperte a tutte le ulteriori opportunità che si dovessero presentare lungo il cammino amministrativo e ai suggerimenti che di volta in volta i cittadini, il mondo dell’imprenditoria e le associazioni vorranno proporre alla maggioranza.

caserma icoSpianata la strada per una positiva conclusione di quella che può ormai essere definita l’annosa questione della “ex caserma dei Carabinieri di Sorso”.

L’imponente struttura che domina la piazza Marginesu, adiacente alla chiesa intitolata alla Beata Vergine d’Itria, conosciuta dai Sorsensi come Cunventu, è stata per decenni al centro di una querelle fra il Comune di Sorso e la Provincia di Sassari relativa alla sua proprietà.

L’edificio, costruito nel 1600 dai cittadini di Sorso con la finalità di ospitare i frati minori, era passato al patrimonio del Comune di Sorso poco dopo la metà del diciannovesimo secolo a seguito delle leggi repressive che posero fine agli ordini religiosi. Di questo passaggio di proprietà si ha prova grazie alle note di trascrizione dei verbali di cessione e di consegna a favore del Comune di Sorso rinvenibili nei registri conservati presso la Conservatoria di Sassari dei registri immobiliari.

Ceduto in uso all’allora Amministrazione Provinciale perché la destinasse a caserma dell’Arma dei Carabinieri con una deliberazione consiliare già alla fine del diciannovesimo secolo, il compendio si erge a tutt’oggi abbandonato al suo stesso degrado da quando l’Arma si trasferì nella nuova caserma sita in via Gramsci.

A seguito dell’ottenimento di un contributo regionale da parte del Comune di Sorso finalizzato all’acquisizione e alla riqualificazione della ex Caserma è entrata nel vivo la valutazione su chi fosse il vero proprietario della struttura, avendolo nel frattempo la Provincia di Sassari iscritto fra i beni del piano di dismissione e valorizzazione del proprio patrimonio.

L’Amministrazione Comunale è lieta di comunicare che da ieri, martedì 24 settembre, presso la Casa della Salute in via Dessì è stato riattivato l’apposito sportello che offre i seguenti servizi:

  • Esenzioni ticket
  • Esenzioni per patologia
  • Esenzioni invalidità
  • Assistenza integrativa
  • Scelta e revoca del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta
  • Attivazione Carta Nazionale dei Servizi

Con i seguenti orari:

Dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle ore 13:00

Il martedì ed il giovedì anche di pomeriggio dalle ore 15:00 alle ore 17:00

Sarà inoltre riattivata a breve anche la cassa per il pagamento dei ticket sanitari.

Si coglie l’occasione per ringraziare l’ATS Sardegna, ed in particolare i Direttori del Distretto di Sassari e dell’Area Giuridico Amministrativa dell’ASSL – Sassari, per essersi resi disponibili ad incontrare in più occasioni l’Amministrazione Comunale e per la pronta disponibilità ad accogliere in breve tempo le istanze poste dalla stessa al fine di restituire ai cittadini di Sorso, nonché delle comunità dell’hinterland che gravitano attorno alla cittadina romangina, quei servizi da troppo tempo sospesi con conseguenti gravi disagi per gli assistiti.