Bollettino del Centro Operativo Comunale della Protezione Civile del 04.04

Il Sindaco comunica che con riferimento ai dati trasmessi in data odierna dal Dipartimento di Prevenzione dell’ATS, il Sindaco comunica che a ieri, venerdì 03 aprile, i casi acclarati di positività al virus Covid-19 nel territorio comunale, sottoposti al regime di isolamento domiciliare fiduciario, sono n. 10, per un incremento pari a 0 nuovi casi rispetto al dato precedente (vd. Bollettino del 03 aprile 2020). Sempre dai dati trasmessi dal Dipartimento di Prevenzione risulta altresì 1 caso di positività sottoposto a regime di ricovero ospedaliero. I soggetti altresì che, per aver avuto contatti stretti con i casi confermati di Covid-19, sono attualmente sottoposti alla misura della quarantena con sorveglianza attiva, di cui all’art. 1, comma 2, lettera h del decreto legge n. 6 del 23.02.2020, sono n. 19, in diminuzione di 6 unità rispetto al dato precedente (vd. Bollettino del 03 aprile 2020).

 
 
 

AVVISO PUBBLICO - CORONA VIRUS

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DELLE MISURE DI SOSTEGNO IN FAVORE DEI CITTADINI COLPITI DALLA SITUAZIONE ECONOMICA DETERMINATASI PER EFFETTO DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS - pdf ATTENZIONE - LEGGERE ATTENTAMENTE LE SPECIFICHE PER L'ACCESSO ALL'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO (22 KB)

folder Scarica la documentazione

 

#IORESTOACASA

#iorestoacasa

AVVISO ALLA CITTADINANZA - informativa uffici comunali disponibili

Informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 per quanto riguarda l'accesso agli uffici comunali. Scarica l'informativa per gli utenti sugli uffici comunali a cui rivolgersi per le pratiche e/o necessità


covid19Gentilissimi tutti, sono a comunicarVi che a seguito dell’entrata in vigore del Decreto n. 117 del 14 marzo 2020 adottato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministro della Salute, il Presidente della Regione Sardegna ha provveduto ad emanare una nuova ordinanza: la n. 9 del 14 marzo 2020.
Quest’ultima reca con riferimento al Decreto Ministeriale n. 117, ulteriori importanti nuove disposizioni attuative per il contrasto e la prevenzione della diffusione epidemiologica da COVID-2019 nel territorio regionale della Sardegna valide sino al 25 marzo 2020 salvo eventuale proroga esplicita.

Richiamo le principali di seguito:

Art. 1) Sospensione traffico passeggeri linee marittime

Il traffico passeggeri su linee marittime da e per la Sardegna è sospeso fino al 25 marzo 2020. È fatta salva, esclusivamente per dimostrate ed improrogabili esigenze, la possibilità di richiedere autorizzazione all’imbarco nei casi previsti dall’art. 1, primo comma, lett. a del DPCM 8 marzo 2020, ovvero:

  • a) comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità;
  • b) spostamenti per motivi di salute;
  • c) rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Tutti i soggetti che rientrano nelle fattispecie di cui al precedente comma e intendono imbarcarsi sulle navi in linea tra la Sardegna ed i porti della Penisola e viceversa nel periodo di vigenza del D.M. n. 117 del 14 marzo 2020 sono tenuti a presentare richiesta di autorizzazione preventiva con almeno 48 ore di anticipo sulla prevista partenza secondo il modello allegato alla presente ordinanza sotto la lettera “A”, da compilare ed inviare per via telematica, al seguente link: https://moduloarrivicovid19.regione.sardegna.it/allegato-a…/, unitamente all’autocertificazione attestante la propria personale condizione.

Si comunica alla cittadinanza che, per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure, riportate in maniera sintetica:
- Sospensione delle attività didattiche in tutte le scuole di ogni ordine e grado a partire da domani, 05 marzo 2020, sino al 15 marzo 2020
("limitatamente al periodo intercorrente dal giorno successivo a quello di efficacia del presente decreto e fino al 15 marzo 2020, sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master e università per anziani, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza; sono esclusi dalla sospensione i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie, ivi inclusi quelli per i medici in
formazione specialistica, i corsi di formazione specifica in medicina generale, le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie, nonché le attività delle scuole di formazione attivate presso i ministeri dell’interno e della difesa);
- sospensione di tutte le manifestazioni e gli eventi svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato;
- sospensione di eventi e competizioni sportive.

DPCM del 4.3.2020 _ 16.32 pulito.pdf.pdf.pdfSi allega di seguito il DPCM per opportuna visione e informazione.

 
 
 

Giunge finalmente al suo epilogo, e nel migliore dei modi, l’annosa questione relativa alla “ex Caserma dei Carabinieri di Sorso”.

Caserma icoL’atmosfera venerdì sera nell’aula consiliare “Massimo Greco” era quella delle grandi occasioni.

Alla presenza del Sindaco Dott. Fabrizio Demelas, dei Consiglieri comunali, dell’On. Antonello Peru, dell’On. Pietrino Fois e del Dott. Umberto Oppus, oltre che dei funzionari della Provincia di Sassari e del Comune di Sorso, la dottoressa Vittoria Loddoni, la dottoressa Debora Fonnesu e la dottoressa Nicolina Cattari, è stato sottoscritto l’accordo che consente all'Amministrazione Comunale di entrare in possesso dell’immobile e di poter investire 1.500.000 di euro per la sua riqualificazione.

Da buon padrone di casa, il primo a rivolgere un saluto ai presenti è stato il Sindaco: “Questa giornata assume un retrogusto storico-identitario: il convento seicentesco, acquisito al patrimonio comunale nella seconda metà del 1800, e divenuto poi Caserma dei Carabinieri, era stato costruito grazie alla munificenza e all’operosità dei sorsensi di allora per essere poi donato agli ordini religiosi che ne fecero la loro sede. L’operazione che andiamo a chiudere oggi non solo ci permette di disporre di un bene utile dal punto di vista dell’uso che ne faremo, ma ci permette di riappropriarci di un pezzo della nostra storia, della nostra identità”

Il Sindaco prosegue poi con dei “ringraziamenti doverosi e sentiti all’Amministrazione Provinciale e in particolare all’Amministratore unico, l’On. Pietrino Fois senza il quale l’operazione non si sarebbe potuta chiudere in così breve tempo, e ai suoi collaboratori: il dott. Pierino Arru, la dottoressa Loddoni, il dott. Pelusio; nonché all'Amministratore Provinciale uscente il Dott. Guido Sechi che ha preceduto l’On. Fois. Ringrazio inoltre il Dott. Umberto Oppus, Direttore Generale dell'Assessorato agli Enti Locali che si è speso senza soluzione di continuità per una positiva soluzione della questione assieme all’Assessore regionale l’Avv. Quirico Sanna”.

lineeprogrammaticheÈ stato un Consiglio comunale lungo e partecipato quello che si è tenuto nell’aula consiliare “Massimo Greco” lo scorso venerdì 25 ottobre, anche in virtù dell’importanza degli argomenti previsti all’ordine del giorno.

Era in programma fra gli altri punti la discussione delle linee programmatiche di mandato, documento attraverso il quale il Testo unico degli Enti Locali prescrive che le neo-insediate amministrazioni comunali indichino gli obiettivi, le iniziative più significative e le opere che ne caratterizzeranno il percorso nei cinque anni successivi.

Un’aula al gran completo ha seguito con attenzione l’articolata esposizione fatta dal Sindaco Dott. Fabrizio Demelas, che ha dettagliato con un intervento di oltre 40 minuti la prospettiva di sviluppo urbano, socioeconomico, culturale e turistico della nostra città per i prossimi 5 anni.

Lo ha fatto rivolgendosi anche a quelle che ha chiamato “minoranze e non opposizioni”, sottolineando come nei programmi elettorali, pur differenti fra loro, emergesse in modo univoco e chiaro l’interesse per il bene della città di Sorso. Questa apertura verso i gruppi di minoranza, particolarmente apprezzata dai diversi gruppi consiliari, è stata il preludio a delle linee programmatiche innovative rispetto al passato, aperte a tutte le ulteriori opportunità che si dovessero presentare lungo il cammino amministrativo e ai suggerimenti che di volta in volta i cittadini, il mondo dell’imprenditoria e le associazioni vorranno proporre alla maggioranza.