Chiusura ufficio anagrafe

ico info servizioSi comunica che in data 24/09/2018, l'ufficio anagrafe sarà chiuso per adesione al sistema ANPR le attività riprenderanno salvo eventuali complicazioni il 25/09/2018, che verrano in qualsiasi caso notificate su questo stesso sito.

 
 
 
 
 

Sardegna partecipaAttraverso il progetto Sardegna ParteciPA abbiamo realizzato uno spazio che apre canali di partecipazione ai processi di decisione politica ed amministrativa della Regione Sardegna. Questa piattaforma è infatti un nuovo luogo di incontro e dialogo tematico tra cittadini, esperti e decisori politici che possono attivare e gestire processi di tipo collaborativo, partecipativo rispetto a temi di particolare interesse sociale, economico e istituzionale.

 

images statocivileAtteso che l’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è offrire ai cittadini e a tutti coloro che intendono celebrare il proprio matrimonio o unione civile nel territorio di Sorso l’opportunità di usufruire di sedi separate, contribuendo così ad una maggiore conoscenza del patrimonio naturalistico e storico locale, con ricadute positive sull’economia della zona; 

Avvisa i proprietari o titolari di altro diritto reale o personale di godimento su immobili o spazi aperti non di proprietà comunale, nel territorio comunale di Sorso, possono presentare manifestazione di interesse a concedere in comodato d’uso gratuito al Comune di Sorso per la durata di anni 5, idonei spazi e locali, ai fini dell’istituzione di separati Uffici di Stato Civile per la celebrazione di matrimoni ed unioni con rito civile, che siano nella “disponibilità giuridica del Comune” con i requisiti di "esclusività e continuità della destinazione", secondo il calendario comunicato dall’Amministrazione.
folder Scarica la documentazione

 
 

Si è tenuto in data 15 dicembre alle ore 17:00 presso il palazzo Baronale il seminario sull’importanza della “certificazione blsd e presentazione del corso abilitante all’uso del defibrillatore”. Il seminario oltre che essere finalizzato alla presentazione del progetto promosso dall’assessore allo Sport Fabio Idini e accolto con grande entusiasmo non solo dall’amministrazione ma dall’intera cittadinanza, ha come scopo principale quello di sensibilizzare soprattutto i giovani sull’importanza di una maggiore conoscenza del primo intervento a seguito di un arresto cardiaco che, se tempestivo, può aumentare la possibilità di sopravvivenza del 50%. 

Presenti al tavolo dei relatori, il Sindaco Dott. Giuseppe Morghen, l’assessore allo Sport nonché promotore del progetto l’Assessore Fabio Idini, l’onorevole Dott. Antonello Peru Vice – Presidente del  Consiglio Regionale, il Segretario Generale e Dirigente I° e III° Settore del Comune di Sorso e dei Servizi alla persona, Dott. Giancarlo Carta, la sig.ra Lidia Russu Responsabile della formazione MSP Italia, Comitato Provincia di Sassari/Olbia e la  Dott.ssa Anna Maria Angheleddu Responsabile del centro IRC  “Viva la vita”. 
Il Sindaco Dott. Giuseppe Morghen dopo aver salutato tutti i presenti ha sottolineato l’importanza di tale iniziativa, ringraziando l’assessore Fabio Idini, e l’ufficio Sport nelle persone del Responsabile Dott. Paolo Cannillo e della Dott.ssa Antonella Pizzuto, che con grande entusiasmo hanno collaborato per la buona riuscita dell’evento.  L’assessore Fabio Idini con grande commozione ha presentato il progetto e ha mostrato i defibrillatori acquistati, due dei quali verranno posizionati all’interno delle strutture sportive,  palestra comunale di Santa Maria e palestra comunale di Sant’Anna, altri due defibrillatori verranno posizionati nella piazza San Pantaleo e in Via Cottoni.  L’assessore, promotore del progetto, ha inoltre sottolineato che entro la stagione estiva verrà collocato un defibrillatore nei pressi dell’arenile della marina di Sorso. 

Durante la seduta antimeridiana di ieri 27 giugno, il Consiglio Regionale ha finalmente approvato l'emendamento 304 con il quale il consigliere Antonello Peru chiedeva la modifica dell'articolo 13 del disegno di legge 408 avente ad oggetto "Disposizioni urgenti in materia urbanistica ed edilizia".
Una proposta di modifica la cui approvazione attribuisce a Platamona le caratteristiche di "litorale metropolitano" evitando così che le attività turistiche che operano sul litorale, siano costrette ogni anno, entro il 31 ottobre, a cessare tutti i servizi alla balneazione e smontare le relative strutture.
Una attività che, come aveva recentemente sostenuto Peru, oltre a determinare dei seri disservizi per il territorio avrebbe comportato importanti danni economici per gli imprenditori, che oltre ad interrompere l’attività avrebbero dovuto smantellare e rimontare le strutture ogni anno finendo così per distruggerle anziché salvaguardarle.
Grazie all'approvazione dell'emendamento e del rinnovato articolo 13 i chioschi non dovranno più essere smontati e le amministrazioni facenti capo alla rete metropolitana potranno impegnarsi, pensare e lavorare per attrarre risorse economiche finalizzate al rilancio e allo sviluppo in chiave turistica e ricettiva di tutto il territorio del nord ovest della Sardegna.