Stampa

worldfreeEntro il 2011 le aziende che nel proprio processo di lavorazione producono rifiuti sono obbligate alla gestione della tracciabilità del rifiuto, in sintonia con i sistemi informatici messi a punto dal Ministero dell’Ambiente.

Soggetti obbligati a Sistri

Senza entrare nello specifico della norma, in linea generale sono obbligate a Sistri tutte le aziende artigianali e industriali con più di 10 dipendenti, che nel proprio ciclo di lavorazione producono qualunque tipo di rifiuto, e le aziende con meno di 10 dipendenti, se producono rifiuti classificati “speciali”. Attenzione a non farsi trarre in inganno dalla dicitura “rifiuto speciale” perché, a titolo puramente esemplificativo, é considerata rifiuto speciale anche la semplice lametta del rasoio da barbiere, piuttosto che il prodotto residuo dei trattamenti di una parrucchiera o ancora il toner di una stampante laser, se non smaltito secondo procedura in discariche autorizzate.

Non solo i produttori di rifiuti saranno obbligati a Sistri, ma anche i trasportatori professionali, gli operatori del trasporto intermodale, i trasportatori in conto proprio di rifiuti pericolosi, i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione, i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati, i recuperatori e gli smaltitori e infine i Comuni, Enti e Imprese che gestiscono i rifiuti urbani.

 

Come ottemperare alla normativa

I destinatari obbligati hanno due modi di operare per non incorrere nelle sanzioni previste:

  1. Utilizzare il sistema online reso disponibile dal Ministero dell’Ambiente
  2. Utilizzare sistemi informatici di terze parti che aggiungono tutte le funzionalità gestionali tipicamente necessarie per essere più efficienti e spendere il tempo in ottica aziendale, pur rispettando appieno la norma

Il sistema di cui al punto 1 reso disponibile da Sistri è un sistema di tipo minimale, che consente l’operatività nell'ottica di rispettare la norma in modo generalizzato e senza occuparsi degli aspetti gestionali dell’azienda.

Consulta la normativa completa - leggi il D.M. del 26 Maggio 2011