Stampa
Categoria: Comunicazioni
Visite: 532

GrappoloNel mese di Agosto un gruppo di operatori vitivinicoli del Comune di Sorso e di Sennori ha costituito un Consorzio.

La notizia assume un carattere di particolare importanza in quanto non si tratta di un semplice consorzio di imprese, ma di un Consorzio Volontario per la Tutela e la Valorizzazione Vini che ha conseguito il riconoscimento e le conseguenti autorizzazioni da parte del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (D.M. n. 74101 del 23 ottobre 2019, pubblicato nella G.U. in dd. Novembre 2019).

Il MIPAAF ha incaricato il consorzio “Terre di Romangia” a svolgere le funzioni di promozione, valorizzazione, tutela, vigilanza ed informazione del consumatore e cura generale degli interessi di cui all’articolo 41, comma 1 e 4 della legge 12 dicembre 2016, n. 238 per la DOC “Moscato di Sorso – Sennori” o “Moscato di Sorso” o “Moscato di Sennori” e per la IGT “Romangia”.

Si tratta di un traguardo importantissimo per tutta la Romangia, perché l’estensione delle funzioni erga omnes conferita dal MIPAAF, consentirà al nuovo consorzio di operare anche nei confronti degli operatori vitivinicoli non consorziati.

 Oltre al consorzio Terre di Romangia solo il Consorzio del Vermentino di Gallura docg e della Malvasia di Bosa Doc possono fregiarsi dello stesso titolo in Sardegna.

L’Amministrazione Comunale di Sorso rivolge alla Presidente Alessandra Seghene e a tutti gli operatori che hanno aderito al neo costituito consorzio i migliori auguri di buon lavoro, nella certezza di poter collaborare per la valorizzazione della vitivinicoltura della Romangia.