Vinoterapia icoA Sorso mondo accademico e addetti ai lavori si incontrano in un percorso interdisciplinare per lo sviluppo del territorio

Si è tenuto oggi a Sorso nel Palazzo Baronale, il convegno “Vinoterapia: il vino tra benessere, ricerca, tradizione e salute. Idee per un progetto territoriale”, organizzato dall'Assessorato alla Cultura e allo Spettacolo e dall'Assessorato alle Attività produttive e Turismo, col patrocinio del Comune di Sorso e della Regione Sardegna e inserito nel calendario di eventi di “Calici di Stelle”.

La giornata di studio e confronto, realizzata in collaborazione con il CRISMENC,  Centro di Ricerca e Sviluppo in Medicina Estetica, Nutraceutica e Cosmetologia e con l'Università degli studi di Sassari, si è posta come obiettivo quello di informare e stimolare la cultura del turismo e del benessere con la valorizzazione delle risorse del territorio, tra tradizione e nuove tecnologie.

 

Ad aprire il convegno il professor Alessio Pirino, direttore del CRISMENC e docente del Dipartimento di Scienze Biomediche dell'Università degli studi di Sassari: “Abbiamo voluto portare avanti l’idea di organizzare una giornata, nell’ambito di questa edizione di Calici di Stelle, che presentasse il vino sotto un’ottica scientifica e in relazione con la salute e il benessere – . ha detto - Abbiamo dunque preso come spunto la vinoterapia per mettere a disposizione le competenze che fanno parte  del nostro centro e dell’Università di Sassari con l’intento di offrire una proposta per nuove occasioni di lavoro sia a livello occupazionale che professionale. Tutti i relatori hanno accettato con piacere il nostro invito e siamo stati felici del fatto che il progetto abbia trovato l’appoggio sia della vecchia che della nuova amministrazione, che ha l’ha ritenuto valido, tanto da portarlo a compimento”

Molto entusiasta l’assessore alla Cultura Marcella Spanu: “Siamo lieti di ospitare quest’evento all’interno di Calici Stelle, uno degli appuntamenti più importanti per la città di Sorso. E’ stato per me un piacere e un onore organizzarlo. E’ bello pensare che l’Università, che alle volte sembra lontana, si sia messa a disposizione per favorire lo sviluppo del territorio. Penso che questa giornata indichi principalmente questo: la disponibilità affinché le conoscenze vengano traslate oggettivamente e fattualmente nell’agire e nella promozione del nostro territorio. L’invito è stato rivolto ai relatori, ognuno portavoce del proprio settore, ma anche alle aziende vitivinicole locali. C’è la possibilità di interagire sotto vari punti di vista, data la natura interdisciplinare di questo convegno. Abbiamo anche la fortuna di avere come ospite il professor Vercauteren, dell’Università di Montpellier, che ci ha portato una testimonianza preziosa spendibile nel territorio. Invito tutti a voler cogliere quanto più possibile questa opportunità e a trarne i migliori spunti”.

Molto propositivo anche l’assessore alle Attività produttive, Marco Greco: “Siamo felici di poter ospitare questo convegno, che si presenta in una formula davvero interessante. Cercheremo senza dubbio di riproporre questi spunti anche nei prossimi anni, per continuare ad attivare collaborazioni tra il mondo della ricerca e quello delle aziende. Uno degli aspetti più importanti per le attività produttive è quello del trasferimento tecnologico, attività che cercheremo di portare avanti per soffermarci e sfruttare le tante opportunità che la ricerca scientifica può dare. Il nostro è un territorio molto vivace, con molti agricoltori ma poche aziende vitivinicole. Si tratta però di operatori di eccellenza, con molti giovani che si stanno inserendo. Tutto ciò che è cultura e ricerca è, pertanto, molto interessante.

A rappresentare l’Università di Sassari il professor Andrea Montella, preside della facoltà di Medicina e chirurgia: “Ho accettato con entusiasmo l’invito del professor Pirino di venire a testimoniare l’interesse della facoltà di Medicina per questa attività scientifica volta ad approfondire alcuni aspetti dell’utilizzazione terapeutica del vino e soprattutto al trasferimento di questi aspetti della ricerca scientifica, se possibile, nell’aspetto imprenditoriale che speriamo possa trarne spunto andare avanti. Come sapete la Facoltà di Medicina prepara tutto il personale professionale che si occupa della salute, e la salute oggi viene intesa in senso ampio: non si rivolge solo alla cura, ma anche al mantenimento dello stato di benessere. Le attività connesse con questo convegno, al quale partecipano non solo illustri colleghi, ma ricercatori e ospiti stranieri di altissimo profilo, sono nelle corde della nostra facoltà, per cui sono certo che i risultati saranno notevoli. Mi complimento con l’amministrazione comunale per l’energia con la quale ha accolto questo lavoro.”

Ospite internazionale del convengo il professor Joseph Vercauteren dell'Università di Montpellier, ispiratore della vinoterapia, che ha parlato della possibilità di utilizzo dei sottoprodotti vitivinicoli per il settore cosmetico, portando la testimonianza della sua collaborazione con l’azienda Caudalie specializzata in prodotti per la cura della pelle con trattamenti anti età per viso e corpo.

Gli altri interventi si sono articolati in maniera più specifica a partire dall'analisi del ruolo del vino nell’alimentazione con il professor Luca Deiana, che ha parlato del suo studio sui centenari in Sardegna con la presentazione del progetto AKENTA, sinonimo di “A kent'annos” con particolare attenzione al consumo del vino nell'alimentazione dei centenari, e con il professor Pier Andrea Serra, che ha spiegato le origini della nutraceutica, ponendo l’accento sull’ importanza che questi studi possono avere per la salute e il benessere dell’uomo.

La dottoressa Antonella Antonini, docente di Cosmetologia al Master dell'Università di Ferrara, ha parlato del rapporto tra vino, verità e bellezza.

Per il settore agrario e di sviluppo del territorio sono intervenuti il professor Luca Mercenaro, ricercatore del Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Sassari, che ha presentato le potenzialità viticole del comprensorio Sorso –Sennori; il dott. Giovanni Guido, che  ha proposto soluzioni per fare impresa e rilanciare il territorio partendo dall’agricoltura; e il dott.Francesco Meloni, che ha indicato le vie di incontro tra innovazione e territorio.

Gian Paolo Demartis, esperto etnobotanico e fondatore della Libera Scuola di Erboristeria ha parlato del ruolo che il vino ricopre fin dai tempi più antichi nell’erboristeria popolare sarda, mentre il celebre sommelier Andrea Balleri ha accompagnato i partecipanti in un viaggio esperienziale attraverso i sapori e i profumi dei vini locali.

Del ruolo del vino nella storia hanno parlato la dottoressa Emma Fenu – intervenuta con un contributo video da Copenaghen nel quale ha illustrato gli aspetti religiosi, analizzando la figura del vino nella simbologia della Bibbia; e la dottoressa Alessandra Derriu, che ha sviluppato il tema del vino nelle pratiche superstiziose della Sardegna.

L'aspetto archeologico, per una scoperta e una maggiore presa di consapevolezza del territorio è stato invece approfondito negli interventi della professoressa Elisabetta Garau docente associato di Archeologia dei paesaggi e Archeologia e storia dell'arte romana e direttore degli scavi del sito archeologico di Santa Filitica a Marritza, che ha descritto i siti archeologici che si trovano nelle prossimità delle cantine attive oggi, e  dal professor Marco Milanese, docente ordinario di Archeologia medievale e ideatore e direttore del museo Biddas, che ha raccontato del ruolo del vino nella Sardegna Medievale.

I due docenti hanno fatto da guide speciali per le visite ai siti archeologici di Santa Filitica, svoltasi la sera del 29 luglio, come una vera e propria anteprima del convegno, e del villaggio medievale di Geridu, che ne ha invece segnato la conclusione.