CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INQUILINI

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI RESIDENTI NEL COMUNE DI SORSO E DESTINATARI DI ATTO DI INTIMAZIONE DI SFRATTO PER MOROSITA' ACCERTATE AL 31.12.2017 - Scadenza domande entro e non oltre il 20 dicembre 2017.  folder Scarica la documentazione .

Giornata sorriso 26-11-2016I Bambini della Scuola artistica“La voce in musica” si esibiscono per gli anziani della casa di riposo di Sorso.

L’Amministrazione Comunale di Sorso, in collaborazione con il Centro Anziani B.V. Noli Me Tollere e la Scuola Artistica “La Voce in Musica”, ha promosso “La giornata del sorriso… aspettando il Natale”. Sabato scorso, i bambini della Scuola di Musica e Propedeutica musicale, guidati dal Maestro Beniamino Pistidda, hanno fatto visita agli anziani ospiti del centro, allietando il loro pomeriggio con le loro esibizioni canore.

«Questa iniziativa, proposta dall’Amministrazione e accolta dalla direttrice del Centro Maria Franca Lupinu, è un modo per sottolineare l’impegno che ognuno di noi deve mettere nella cura dei nostri anziani. - Afferma la Consigliera Silvana Spanu, promotrice dell’evento. - Dobbiamo ricordarci che un sorriso deve allietare la vita degli anziani ogni giorno. Questa giornata vuole essere un modo per portare allegria e unire le due generazioni: i piccoli artisti che si esibiscono cantando, scaldano il cuore e riempiono di emozione. L’impegno è di promuovere sempre più spesso iniziative simili che richiamino l’importanza di essere sempre presenti nella vita dei nostri anziani, che sono la nostra memoria e il collegamento tra il passato e quello che siamo oggi.»

Il pomeriggio è iniziato con un   momento di preghiera, con la guida di Don Luca, Parroco di San Pantaleo, che ha raccolto intorno a sé tutti i presenti, dando loro la benedizione. La serata è proseguita con le esibizioni dei piccoli talenti della scuola, tra i quali Mario Donato Vinci che ha proposto la canzone presentata allo Zecchino d’Oro, lo scorso anno. I 40 ospiti della casa di cura e i parenti intervenuti, si sono lasciati trasportare dalla musica, accennando passi di danza e seguendo il tempo battendo allegramente le mani.