ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI REALIZZATI DA A.R.E.A.

Pubblica te le graduatorie provvisorie relative all'assegnazione in locazione degli alloggi realizzati da A.R.E.A. distretto di Sassari, che avverso la graduatoria provvisoria gli interessati hanno facoltà di presentare opposizione all'Amministrazione entro e non oltr i 30 giorni successivi alla pubblicazione della stessa.  folder Scarica i documenti

Aggiornamento Albo Comunale Soc. Sportive 2018

Si invitano tutte le società e associazioni sportive in possesso dei requisiti previsti dalla L.R. 17/99 a presentare domanda per l'inserimento e/o aggiornamento nell'Albo Comunale delle Società Sportive, presentando pdf apposita istanza (48 KB) entro le ore 12.00 del 22/02/2018, pena il non accoglimento della stessa.  folder Scarica la documentazione

Tribunale inquisizione alghero. Alessandra Derriu - rd“Il tribunale dell’Inquisizione di Alghero. Storie di donne e di uomini attraverso documenti inediti del XVIII secolo.”, di Alessandra Derriu, venerdì 27 maggio 2016 alle ore 18:00, biblioteca comunale “S. Farina”, via Siglienti-Sorso

L’Amministrazione Comunale di Sorso invita alla presentazione del libro “Il tribunale dell’Inquisizione di Alghero. Storie di donne e di uomini attraverso documenti inediti del XVIII secolo.”, di Alessandra Derriu.

Proseguono gli incontri con l’autore, patrocinati dall’Assessorato alla Cultura, presso la biblioteca comunale di Sorso. Prossimo appuntamento, venerdì 27 maggio, alle ore 18:00, con l’autrice Alessandra Derriu. Modera la serata Maria Antonietta Ruiu, Presidente della Sezione Regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche.

Il tribunale dell’Inquisizione di Alghero.

Stregoneria, magia, medicamenti superstiziosi, rapporti con il demonio, blasfemia, eresia, sono i reati di cui vengono accusati i protagonisti delle nostre storie. Sullo sfondo dell’Alghero del XVIII sec., si dipanano le vicende di uomini e donne sospettati dall’Inquisizione, ambientate nel centro storico, nel porto, nelle campagne, da dove si arriva e si riparte oltrepassando le porte della città murata, chiusa tra i suoi bastioni ma aperta a chi arriva dal mare e dalla terra. Le persone si muovono nei vicoli, tra chiese e palazzi, qui la gente vive drammi e gioie della vita quotidiana, si ferma a chiacchierare alle finestre, si osserva, si ascolta. I vescovi inquisitori sorvegliano costumi ed usi, e mentre la vita scorre, la macchina della giustizia interviene a punire i crimini e castigare i colpevoli. A seguito della recente scoperta delle carte del Tribunale dell’Inquisizione vescovile di Alghero, il volume ricostruisce il funzionamento dell’Ufficio e analizza i documenti inerenti alla città: denunce, procedimenti e processi da cui emergono le storie di guaritrici, stregoni, fattucchiere ed eretici.

Alessandra Derriu

Alessandra Derriu (Alghero, 1979). Archivista e ricercatrice. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali, presso l’Università degli Studi di Sassari, si è specializzata a Roma alla Scuola di Archivistica, paleografia e diplomatica dell’Archivio Segreto Vaticano. Ha lavorato presso l’Archivio del Comune di Alghero, l’Archivio della famiglia Simon-Guillot e l’Archivio della Diocesi di Alghero-Bosa. Titolare di una borsa di ricerca della Regione Sardegna, presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Sassari, ha portato avanti l’attività di indagine in storia medievale della Sardegna occupandosi dell’edizione di fonti, cartacea e digitale, pubblicando Atti contabili della villa di Alghero (mandati e ricevute di pagamento anni 1405-1415), 2005, vincitore del “Premi J. Sanna 2007”; Alghero e i suoi privilegi in alcuni documenti inediti del XV secolo, 2007; Gli atti notarili del XV secolo dell’Archivio Capitolare di Alghero, 2009. Da ultimo ha curato L’Inventario dell’Archivio del Capitolo Cattedrale di Alghero, 2013. Tra i suoi interessi di studio vi sono l’amministrazione della giustizia nella Sardegna catalano-aragonese ed i processi per stregoneria e superstizione. Attualmente è archivista presso l’Archivio Storico Diocesano di Alghero ed insegnante di storia presso l’Escola de alguerés P. Scanu.